doppiaggio video

State lavorando al computer ormai da ore, e forse è il caso di prendersi una piccola pausa. Improvvisamente vi torna in mente quella splendida scena de Il silenzio degli innocenti in cui la protagonista, Clarice Starling, conosce di persona lo psichiatra Hannibal Lecter. Adesso vi è venuta una gran voglia di rivedere il film per intero, ma oggi non ne avete proprio il tempo; meglio fare una rapida ricerca su YouTube e guardare solo la clip contenente quella scena.

Cliccate sul primo video della lista (in fondo uno vale l’altro, no?) e iniziate ad ascoltare, ma… qualcosa non torna. Le voci vi sembrano un po’ diverse da come le ricordate, e soprattutto: Clarice ce l’ha sempre avuta quella C aspirata?

Dopo 30 secondi non ne potete più: mettete il video in pausa e date un’occhiata ai commenti sotto il video; solo allora capite che si trattava di un fandub.

Fandub e doppiaggio video: ok, ma solo per divertimento

Per fandub si intende un doppiaggio video (dub) amatoriale realizzato da ragazzi che cercano di imitare le voci dei loro personaggi preferiti (di cui sono, appunto, fan). Nella maggior parte dei casi, i fundubber si concentrano sul doppiaggio di serie televisive e cartoni animati privi di un adattamento italiano; altre volte, invece, si mettono a ridoppiare delle scene famose per il puro divertimento personale. Il fundubber medio è molto giovane e non ha alcun tipo di preparazione professionale, ma si diverte a doppiare video per passione e senza scopi di lucro, magari insieme ad altri amici nelle medesime condizioni.

Lo stampo amatoriale del fandubbing fa sì che il doppiaggio video possa presentare varie imperfezioni più o meno marcate: microfoni di scarsa qualità, rumori ambientali e difetti di dizione, ma soprattutto influssi dialettali.

 

Qualunque sia la propria regione di provenienza, tutti si portano dietro un retaggio culturale fatto di termini che non trovano uso al di fuori di una determinata zona, ma anche di vocali e consonanti pronunciate in modo diverso da quello imposto dall’italiano standard; basti pensare alla celebre gorgia toscana per la quale una C posta tra due vocali viene pronunciata come H.

È possibile liberarsi degli influssi dialettali?

Nella vita quotidiana gli influssi dialettali non sono d’intralcio, soprattutto quando non sono troppo marcati, ma se si parla di doppiaggio video il discorso cambia drasticamente: a meno che il video da doppiare non sia ambientato nella Toscana rinascimentale o nella Sicilia di Giovanni Verga, un doppiaggio ben fatto non deve mostrare alcun tipo di cadenza dialettale.

I fundubber, pur avendo una voce professionale, non si pongono questo problema: in fondo i loro doppiaggi sono dedicati a un pubblico di giovani appassionati che non si fanno certo scoraggiare da una parola pronunciata nel modo sbagliato. Se però confrontiamo uno di questi doppiaggi amatoriali con la sua versione ufficiale, la differenza tra il dilettante e il professionista diventa immediatamente evidente anche per i non addetti ai lavori. L’utente medio è perfettamente in grado di percepire gli effetti di un doppiaggio mal fatto; alcuni difetti nel settaggio del microfono potrebbero non inficiare troppo la qualità complessiva del prodotto, ma la cadenza dialettale sbagliata ci riesce eccome.

Eliminare ogni influsso dalla propria dizione non è impossibile: ci sono molti esercizi studiati appositamente per raggiungere questo risultato. Riuscire nell’intento richiede però dei lunghi mesi di studio che, da soli, non renderebbero comunque la vostra voce adatta a registrare un voice over italiano professionale. Dovreste anche imparare a usare correttamente le pause, a scandire bene le parole e a respirare nella maniera corretta: tutte cose che richiedono anni di apprendimento.

 

Se non avete così tanto tempo a disposizione, la soluzione è semplicissima: basta chiedere una consulenza gratuita! Fate subito la vostra richiesta e verrete ricontattati a breve da un professionista in grado di tenere ben nascosta la sua relazione clandestina con il dialetto regionale. Insieme potrete decidere come è meglio muoversi in base alle vostre esigenze, e il tutto senza nemmeno una C fuori posto!

La voce giusta per il tuo business?

Scoprila con il nostro percorso gratuito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *