Preparazione del testo per il vostro video
Il più delle volte, nel prestare la voce ad un video, mi trovo a dover interpretare dei testi creati da altre persone, a volte preparate dello staff di Chiara Voce, a volte invece proposti direttamente dal cliente.
La scelta di non occuparmi in prima persona dei testi proviene dalla decisione di far proseguire la lavorazione in parallelo e di avere un professionista dedicato alla sceneggiatura.
Quando arriva un testo proposto dal cliente, tuttavia, può capitare che ci siano alcuni problemi dovuti alla differenza tra testo scritto e testo parlato. Questo accade più frequentemente quando si tratta di testi tradotti da un’altra lingua, ma in generale lo si può trovare anche in testi realizzati da un madrelingua.
Il motivo principale, a mio avviso, è che mentre nel testo scritto si può andare alla ricerca del termine perfetto per passare il messaggio che vogliamo, una volta che questo diventa parlato… ecco che iniziano i guai.
  • Il testo presenta degli scioglilingua, invisibili su un testo scritto, impossibili da pronunciare in un testo parlato
  • La punteggiatura di un testo scritto può prevedere anche periodi lunghissimi. Ma uno speaker deve pur respirare.
  • Certe parole, semplicemente, suonano… strane.
Un altro problema sono gli accenti delle parole, o le pronunce di termini stranieri o specifici (ad esempio, termini medici). Spesso infatti ci si dimentica di dare dei riferimenti, dandoli per scontati o peggio, non sapendo in primis come si pronunciano. Personalmente, a meno di segnalazioni, o nel caso in cui non sia stato specificato (per quanto in fase di briefing sia uno dei miei argomenti di discussione) pronuncio i termini all’italiana.
Ecco alcuni consigli per produrre un testo leggibile, che permetterà allo speaker:
  • di svolgere un lavoro in fretta
  • senza bisogno di successive revisioni
  • senza un aumento del costo a causa di diverse registrazioni richieste

 

1. Comprendere i termini

Conoscete tutti i termini di cui parlate? Non date per scontato che anche il vostro speaker lo sappia.
Se vi fosse possibile, suggerisco di aggiungere un allegato allo script, in cui sono segnati gli accenti (e possibilmente i significati) delle parole non usuali.
Per fare un esempio, una volta mi è arrivato un testo medico tradotto dall’inglese, in cui si parlava di EKG. Sarebbe dovuto essere letto come sigla. Essendo appassionata di Grey’s Anatomy, ho intuito che si trattava di Elettrocadiogramma (in italiano abbreviato ECG). Di conseguenza, ho avvisato il committente e fatto le dovute modifiche.
Se non l’avessi saputo, avrei potuto semplicemente leggerlo “E-K-G”, rendendo il testo poco comprensibile a chi l’avrebbe ascoltato.
Se il committente se ne fosse reso conto in un secondo momento, io avrei dovuto effettuare una seconda registrazione, caricando anch’essa sulla fattura finale in quanto errore del cliente.
Inoltre, il prodotto finale sarebbe stato pronto almeno una settimana dopo.

 

2. Leggere il testo a voce alta

Se il vostro testo vi sembra definitivo, è il momento di leggerlo a voce alta. Vi sembra ancora valido come prima? Cambiereste qualcosa?
Alla lettura a voce alta cosa succede alla vostra lingua? ci sono frasi difficili? Troppo lunghe? La punteggiatura vi aiuta o vi rema contro?
Le vostre difficoltà sono le stesse dello speaker, con l’unica differenza che magari, grazie all’esperienza, ha trovato qualche trucchetto per rendere al meglio anche una frase complicata.
Vi assicuro che rendere un testo più leggibile aiuterà lo speaker, che riuscirà ad andare oltre la semplice lettura del testo, arricchendola con una modulazione ad hoc e portando la voce del vostro video il più vicino possibile al vostro desiderio. Purtroppo spesso questo è quasi impossibile da fare se la sua attenzione dev’essere rivolta ad evitare gli scioglilingua e a trovare i respiri.

 

3. Essere disponibili con lo speaker

Qualora lo speaker trovasse qualche difficoltà non segnalata, siate pronti a rispondergli e a togliere tutti i suoi dubbi. Non può procedere con il lavoro se non ha tutto chiaro al 100%.
Una volta, ad esempio, mi è stato richiesto di effettuare la registrazione della voce per un video aziendale. Il testo però mi è arrivato 2 settimane dopo il momento pattuito, nonostante ripetuti solleciti.
Nel frattempo, mi erano entrati diversi lavori, e questo è finito in coda a tutto il resto.
Per poter avere il proprio lavoro presto, ben fatto e con la completa soddisfazione di entrambe le parti, ti invito a considerare questi fattori prima di proporre il tuo testo a uno speaker.
Ancora in dubbio su come realizzare il testo perfetto? Scrivici e ti daremo una mano!

La voce giusta per il tuo business?

Scoprila con il nostro percorso gratuito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *